Friday, October 22, 2004

Ieri sera bel concerto nella magnifica cornice delle Cittadella, roccaforte di arte islamica su una collina che domina il Cairo. Una luna mezza piena, una piazza che domina la città, la moschea illuminata e tanta gente venuta per sentire la musica dei Radiotarifa. E chi sò stì radiotarifa? direte voi... un gruppo spagnolo che fa musica arabo-andalusa ma fondamentalmente un bel sound su cui si può ballare con accenni anche cubani, flamenchi e con tanti pifferi e strumenti antichi e nacchere e campanellini. Insomma un bello spettacolo, organizzato dalla cooperazione spagnola che era presente in forze e ci dava dentro con le danze. Ovviamente ci siamo subito uniti nelle danze anche noi e si era proprio sotto il palco a applaudire, urlare come matti e fare finta di ballare il flamenco divertendoci un mondo. E che serata! Un tempo bellissimo, si stava bene in maglietta. Una notte pulita con un filo di nebbiolina o forse smog ma era talmente bello che non importava. E tutti a guardarci meravigliati, ma quanto siamo fortunati a vivere al Cairo!!!

Thursday, October 14, 2004

Sono piena di lavoro ma oggi arriva il weekend e quindi tutto può attendere fino a domenica.
Stasera comincio subito con una cena al fresco, al centro culturale francese che ha un indirizzo delirante: Mahdrasset al huquq al franzayat – Munira. Me l’hanno detto al telefono quindi non sono proprio sicurissima che sia giusto. Stasera canta un mio amico egiziano, Ahmedito, standard jazz accompagnato da una francese al piano. Spero di incontrare lì un pò di amici visto che adesso che è partita Gaia non posso più fare affidamento su di lei per organizzare le mie serate e mi devo un arrangiare di più per la mia vita sociale.
La sera prima della partenza abbiamo fatto una cena all’Asiatic dove è venuta anche Sana appena arrivata da Kabul. A sentirla parlare viene subito voglia di partire e partecipare alla ricostruzione. Comunque vi metto una fotina di gruppo con Gaia, Sana, Simon e Manù stesi sui tatami. Appena arrivate al Cairo ci porto anche voi all'Asiatic, è il miglior ristorante giapponese della città.

Friday, October 01, 2004

Ho fatto una bella missione a Sohag per fare vedere il progetto a una nuova ONG che potrebbe collaborare con noi. Siamo andati giù mercoledì e nel pomeriggio il personale locale in ufficio ci ha fatto una bella presentazione con i risultati del secondo anno. Poi in serata io sono andata dal nuovo Governatore a conoscerlo insieme al capo della cooperazione italiana al Cairo. Dicono tutti che è un tipo sveglio che sta facendo molto per Sohag, speriamo bene. Il giorno dopo io e i due "missionari" abbiamo seguito jessica in tre diverse associazioni e abbiamo visto i risultati di due progetti. Da un lato asili e gruppi di donne (in questo caso circa una 50 che seguivano un seminario su come ottenere la carta di identità) e dall'altro i laboratori per i bambini lavoratori dove abbiamo visitato piccoli falegnami, sartine e futuri computeristi. Che teneri! C'era anche due classi di literacy dove i partecipanti dopo un mese e mezzo sanno già scrivere il loro nome, la data di nascita e il nome del loro villaggio. Io so che voi in italia inorridite al pensiero di bambini lavoratori ma qui la situazione è un pò italia anni 40, dove i figli di famiglie povere devono contribuire a mantenere la famiglia. Quindi speriamo che la situazione migliori ma nel frattempo noi li aiutiamo a lasciare lavori pericolosi o poco retribuiti e li qualifichiamo per professioni più remunerative.
Poi quelli della ONG sono tornati al cairo nel pomeriggio e io sono andata sempre con Jessica a incontrare una fisioterapista di un'altra associazione locale con cui potremmo fare un progetto per handicappati. In queste settimane ci penso e spero di scrivere una proposta per la cooperazione tedesca. A proposito, il nostro progetto già finanziato dalla cooperazione tedesca va a gonfie vele e ho visitato il social club di Hawawish. Al momento hanno finito le costruzioni e aspettano le attrezzature ma devo dire che il piano di base del giardino è proprio carino. Jessica si è arrabiata perchè ha trovato un asinello nei bagni... ma d'altra parte non è ancora finito e immagino che una volta aperto al pubblico l'asinello verrà messo altrove.